Edward Hopper - Summer interior

SoundArticle: Ólafur Arnalds – Ljósið

“State molto attenti a far piangere una donna, perché Dio conta le sue lacrime.

La donna è uscita dalla costola dell’uomo non dai piedi perché dovesse essere calpestata,

né dalla testa per essere superiore, ma dal fianco per essere uguale,

un po’ più in basso del braccio per essere protetta

dal lato del cuore per essere amata.”

Dal Talmud ebraico

Una casa, un focolare, un luogo sacro in cui tutto prende vita grazie all’essere più meraviglioso che Dio potesse creare: la donna. Sapete, anche la donna è un supereroe, anzi lei è il supereroe per eccellenza perché riesce con uno sguardo a far innamorare perdutamente un uomo, ad accendere la luce nell’oscurità della sua anima, a sciogliere il suo cuore con un solo sorriso. Ma il suo potere più grande, il più magico e misterioso, è quello di creare la vita con l’amore.

E invece oggi siamo qui a parlare di una parola che è diametralmente opposta all’amore, una parole che dovrebbe essere bandita dal cuore dell’umanità: oggi siamo qui a parlare di “violenza”. Quella violenza che arma uomini gelosi, uomini che non sono in grado di accettare la fine di un rapporto, che non sopportano che lo “loro” donna abbia scelto un’altra persona.

“Non si perde nessuno, visto che non si possiede nessuno.

Questa è l’autentica esperienza della libertà.

Avere la cosa più importante del mondo, senza possederla.”

Paulo Coelho

Noi scegliamo di stare con una persona e quella persona tra miliardi, è legata a noi con un filo di seta in mezzo ad una tempesta. Basta così poco per spezzare quel filo, potremmo decidere di reciderlo da un momento all’altro, ma se non lo facciamo è perché “decidiamo” di non farlo. Scegliamo di condividere il nostro amore con qualcuno, non ne veniamo posseduti o intrappolati. L’amore è una scelta, non una costrizione.

Per questo oggi non voglio scrivere alle donne, le donne sono forti, sanno accettare ogni situazione, sanno essere sagge e sanno rialzarsi anche dopo aver subito una violenza, sanno richiudere la voragine che hanno dentro per guardare al domani con nuova speranza, anche se hanno incontrato creature orribili che le hanno fatto maledire di essere donna, che le hanno fatto credere di non essere più in grado di amare, che le hanno fatto odiare il proprio corpo e la propria persona. La violenza si può guarire solo con l’amore e la donna è nata per amare.

Questo le donne lo sanno già, perciò oggi scrivo agli uomini, quegli uomini che credono che la donna che hanno amato è una loro “proprietà”, una proprietà a cui può essere tolta la vita quando loro lo decidono perché non la meritano.

Questi uomini non sono cattivi, non sono sbagliati, hanno solo paura. Io non ci credo alla cattiveria. Credo alla forza distruttrice della solitudine, della debolezza e della paura. Ora vi dico una cosa così bella quanto scontata: l’amore quello vero, vuole solo una cosa, che la persona che amiamo sia felice. Null’altro. Se amate davvero una donna, ma vi accorgete che quella donna non è più radiosa accanto a voi, non potete pretendere che lei rimanga al vostro fianco. Io lo so, ci sono amori che durano tutta una vita, è dura lasciare andare qualcuno che è come il sole, come l’aria, ma questo non dà il diritto di vendicarsi con la violenza. Vendicare, che parola brutta, meschina, vigliacca.

Io sento la vostra disperazione, le vostre paure, la vostra sofferenza. Vi immagino tornare a casa la sera e non trovare più lei, vi immagino in un letto freddo e spaventosamente enorme, sento che non riuscite a sentire più il suo profumo. Però vi dico, se c’è qualcuno con cui bisogna confrontarsi dopo la fine di una relazione, quel qualcuno siete soltanto voi stessi, non incolpate un’altra persona per i vostri sbagli, non condannate qualcun altro perché siete infelici e volete castigare anche lei ad esserlo. Cosa ci guadagnate? Un’anima maledetta per tutta la vita.

La nostra anima non è nata per covare la cattiveria e quando si macchia con la violenza, si danna ed è perduta per tutta la vita. Ecco cosa vi state infliggendo: la dannazione eterna. Il perdono e l’accettazione sono i gesti più difficili da compiere e lo sapete perché? Perché richiedono amore vero e l’amore vero è quello che dà senza pretendere nulla in cambio. Nel momento in cui iniziate ad amare qualcuno, dovete sapere che quella persona non vi appartiene, che non la possedete, non è “vostra”. Non potete prevedere se lei vi amerà tutta la vita. Voi amate lei anche se sapete che un giorno potrebbe non amarvi più. Ma non dovete avere paura, non pensate che la vostra vita finisca per questo e che di conseguenza debba finire anche la “sua” di esistenza. Se smettete di avere paura e uscite, lì fuori ci sono tante altre cose che vi attendono e se avete rispettato una donna lei vi porterà comunque sempre nel cuore. Una donna non dimentica, ma trova sempre la forza di perdonare.

Io non voglio credere che siete cattivi, non vi fate rapire dalla gelosia, quando una donna vi ama non c’è bisogno di essere gelosi e se non vi ama lasciatela andare, non macchiate la vostra anima, non vi condannate, ricordate: la violenza rimane solo a chi la fa non a chi la subisce.

Non pensate che un vero uomo non possa soffrire o piangere. Non pensate di sfidare la vita con la morte, non pensate di vincere con la violenza, vince chi passa attraverso la sofferenza e poi riscopre l’amore e la forza del perdono, vince chi sceglie di mostrare le cicatrici della propria anima al mondo senza macchiarla di sangue. Vince chi combatte con la forza dell’amore.

Uomini siate sempre grati alla vita se avete avuto la fortuna di vivere un grande amore, anche se è finito, perché vi siete resi conto delle persone meravigliose che potete essere e io so che voi lo siete, il mondo ha bisogno di voi, le persone hanno bisogno di credere che questo mondo non sia intriso di violenza, il mondo non ha bisogno di altri assassini, il mondo ha bisogno di eroi.

Quando ammazzate una donna il mondo intero si eclissa e nel buio rimbombano come cannoni le loro urla. Prima di farvi travolgere dalla violenza, accecare dalla gelosia, pensate che potete sempre scegliere se portare nel mondo il buio o la luce, pensate che potete sempre scegliere se essere carnefici o eroi.

Divergenthink