logan

Logan, la degna conclusione di una saga avvincente.

SoundArticle: Kaleo – Way Down We Go

No, non si può non amare la saga di Wolverine. Ma ancora di più, per i veri fan dell’indistruttibile eroe con gli artigli di adamantio, non si può non amare Logan, il capitolo conclusivo della bellissima saga della Marvel Comics dedicata agli X-Men. Poche scene di scontri mozzafiato, più spazio alla riflessione sul senso e il valore della vita.

Ancora una volta una grandissima interpretazione di Hugh Jackman, che ci mostra un altro volto dell’eroe invincibile e possente che conosciamo dai capitoli precedenti: questo è il Logan che svela il lato “umano” dell’eroe, un uomo con addosso le cicatrici del tempo, con un corpo che inevitabilmente si piega sotto il peso degli anni.

Logan è ambientato nel 2029 e il protagonista non è il Wolverine che abbiamo lasciato un anno fa, è un uomo malaticcio, amareggiato, quasi stufo della vita, un vecchio eroe che soffoca i ricordi e la solitudine nell’alcol. Logan è deciso a trascorrere gli ultimi anni in tranquillità lontano da tutti, in sola compagnia dell’ormai anziano Xavier, evitando i legami perché come dice lui “succede sempre qualcosa di brutto a quelli che amo”. Ma sarà proprio l’amore a scalfire quel duro strato di adamantio che invisibilmente negli anni ha ingabbiato anche il suo cuore.

Logan, finalmente un film dal sapore diverso rispetto ai soliti cinecomics. Un film introspettivo che ci fa riflettere su ciò che davvero conta alla fine della nostra vita e su quanto anche gli eroi, in fondo, siano semplicemente uomini.

Logan non perde il suo coraggio nemmeno sotto il peso degli anni, anzi, viene rinvigorito dalla forza degli affetti che per la prima volta danno finalmente un senso alla sua vita e gli donano la serenità e il calore che solo una famiglia può dare.

Non il solito film avvincente insomma, ma una degna conclusione che non può mancare per i fan della saga e anche se probabilmente in futuro ci saranno altri attori che vestiranno i panni dell’x-man con gli artigli di adamantio, per me Hugh Jackman sarà sempre l’unico e il solo Wolverine.

Divergenthink