designer

Designer: chi è e di cosa si occupa? Vi parlo del mio lavoro

Designer: chi è e di cosa si occupa?

SoundArticle: Queen – Don’t Stop Me Now

In tanti mi avete chiesto se l’attività di blogger per me è un lavoro a tempo pieno o se svolgo un’altra professione e se sì quale. Per cui oggi voglio parlarvi un po’ del mio lavoro.

La scrittura è sempre stata una delle mie passioni e da quasi un anno ho deciso di aprire questo blog per parlarvi di cultura, di arte e di attualità. Ma questa è un’attività a cui mi dedico nel tempo libero e che affianco al mio lavoro di designer.

Chi è il designer?

Facciamo un po’ di chiarezza su questa professione, poiché in tanti pensano che il designer sia l’artista che disegna, creativo e un po’ sui generis, ma in realtà non è proprio così. Il designer non disegna, il designer è colui che progetta, il design pone questioni teoriche con cui risolvere problemi pratici.

La forma riuscita è sempre il risultato di un problema ben impostato. 

– Le Corbusier

Il campo del design è molto vasto, io mi occupo principalmente di visual design, ovvero della progettazione di tutto ciò che deve essere visto per informare, per raccontare. Lavoro molto sulle immagini e la domanda che mi pongo tutti i giorni mentre lavoro è come verrano guardate le immagini che progetto, affinché la lettura risulti chiara e fruibile. Il design non è arte astratta, il design deve comunicare informazioni come ad esempio attraverso la mappa di una metropolitana, un catalogo, un logo, una copertina.

Quali caratteristiche deve avere il designer?

Il designer deve avere capacità di sintesi, di organizzazione, di problem solving, deve essere curioso, attento ai dettagli, insaziabile di cultura e avere sempre la capacità di mettersi nei panni degli altri, sapere cosa c’è nella testa dei suoi clienti, delle persone che fruiranno/utilizzeranno i suoi progetti. Oggi in tanti fanno design, ma pochi secondo me, lo fanno bene e il design ben strutturato lo riconosci subito, c’è un progetto dietro, c’è una chiara intenzionalità, c’è una risposta specifica ad un problema ben posto.

Cosa sono le immagini?

Le immagini sono meccanismi che entrano in relazione con chi guarda ed è l’interazione con l’attenzione degli altri che produce significati, per questo è importante che il designer si chieda sempre cosa ci sia nella testa di chi guarderà quell’immagine. Noi tutti siamo biologicamente uguali, ovvero, la percezione visiva è simile in tutti gli uomini, occhi e cervello funzionano allo stesso modo, ma è la nostra cultura che influenza il modo di vedere, di cogliere e assimilare informazioni. Per esempio un film animato di Miyazaki ha tanti livelli di lettura, tanti riferimenti e quanto più è ampia la nostra cultura, tanti più livelli di lettura saremo in grado di cogliere.

Nei miei articoli vi parlo di tante cose, ma un messaggio che cerco sempre di lanciarvi, è proprio quello di ampliare il vostro bagaglio culturale ogni giorno, andando ad una mostra, leggendo un libro, ascoltando un album musicale, guardando un film. L’appiattimento socio-culturale odierno fa veramente paura, paura perché più l’ignoranza dilaga e più l’uomo diventerà schiavo, diventerà una semplice marionetta da controllare, ma soprattutto la cultura vi permette di capire chi siete, di essere voi stessi, di capire quale è il vostro posto nel mondo, di non essere inglobati in una massa senza personalità, senza sogni e senza valori. La cultura deve essere il vostro superpotere, quello con cui sconfiggere la bruttezza che c’è nel mondo. La cultura vi rende liberi.

Questo è quello che cerco di predicare nel mio blog, ad essere voi stessi, ad avere dei sogni, capire che la vostra unicità fa girare il motore del mondo. Per questo vi dico di non accontentarvi, di seguire i vostri sogni, perché solo se diventate ciò che siete potete essere felici e dare una mano al mondo a veicolare i sani valori, la felicità e la cultura.

Purtroppo so che l’Italia non è il posto migliore del mondo per essere creativi, per coltivare i propri sogni, ma voi non svendete mai la vostra arte e per arte intendo il vostro lavoro, quello che siete nati per fare e che sapete fare, perché se ci credete davvero, la gente lo apprezzerà e capirà quale è il valore del vostro lavoro. Ma per fare questo dovete formarvi, studiare, mettervi in gioco, appassionarvi ed essere curiosi, solo così potrete arricchire il mondo con la vostra unicità.

Una persona educata e cólta sarà rispettata ovunque. L’educazione vince sulla bellezza e sulla giovinezza.

– Chanakya

Divergenthink

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *